25 Settembre 2020
News
percorso: Home > News > NEWS GENERICHE

NUOTO: Mondiali di Shanghai - Pellegrini, oro d´Italia

24-07-2011 22:05 - NEWS GENERICHE
Vince la finale dei 400 sl in 4´01"97 e si conferma campionessa del mondo. Scozzoli in finale dei 100 rana col record italiano di 59"83. La 4x100 sl maschile quarta in 3´12"39. Le interviste ai protagonisti

SHANGHAI - L´oro della tranquillità, della consapevolezza. Federica Pellegrini stravince i 400 stile libero con una naturalezza che atterrisce le avversarie, esalta gli appassionati e regala all´Italia la prima medaglia d´oro ai 14esimi campionati mondiali delle discipline acquatiche - in svolgimento a Shanghai - dopo l´argento di Martina Grimaldi nella 10 chilometri e i bronzi di Tania Cagnotto dal metro e di Alice Franco nella 25 chilometri.
La "divina" tocca la piastra in 4´01"97 (passaggi 29"01, 59"77, 1´31"01, 2´02"30, 2´32"71, 3´02"60, 3´32"69), in linea con il tempo nuotato agli Europei di Eindhoven del 2008, già record mondiale, poi picconato dai record mondiali con il costume gommato in 4´00"41 e 3´59"15, che l´ha resa la prima e unica atleta capace di nuotare la distanza sotto al muro dei 4 minuti.
Pellegrini, che a metà gara vira settima, conclude con oltre due secondi di vantaggio sulla seconda, l´olimpionica britannica Rebecca Admilton che l´aveva battuta a Pechino, autrice di 4´04"01; terza la francese Camille Muffat in 4´04"06.
"Sono felicissima - asserisce la veneziana di Spinea che il 5 agosto compirà 23 anni, tesserata per il Circolo Canottieri Aniene ed allenata dal tecnico francese Philippe Lucas, già guida di Laure Manaudou - Ho gestito la finale come la batteria. I primi duecento metri d´attesa e poi in accelerazione. La tattica ha pagato. Ho vinto con una distanza di vantaggio". Federica non ha avuto neanche il tempo di attende lo sparo. Chiamata dallo speaker per ultima delle finaliste (il cerimoniale della presentazione prevede l´ingresso degli atleti in ordine decrescente dall´ottavo tempo al primo delle semifinali), si presenta con pantaloni della tuta Italia Jaked/Carpisa/Yamamay, maglietta blu a maniche lunghe e cuffioni. "Cercavo di concentrarmi - racconta l´autrice del grande slam sui 200 stile libero tra Olimpiadi di Pechino 2008, Mondiali di Roma 2009 ed Europei di Budapest 2010 - Ascoltavo Lady Gaga, un personaggio sobrio e introverso come me", asserisce sorridendo. Poi il via. "Non ho avuto neanche il tempo di capire; ho sfilato in fretta pantaloni e calzini e sono partita". Non senza aver battuto la mano sulla gamba, sul petto e sulla fronte. Gesto che indica sempre di ricorrere ad attenzione, potenza e generosità. Uscita dall´acqua, visibilmente soddisfatta, disegna un cuore con gli indici delle mani verso la telecamera. "Era per il mio preparatore atletico Andrea Scattolini. Noi spesso ci diciamo scherzando ´Ti lovvo´. Così gli ho dedicato il successo". Ma la dedica arriva anche al team. "Desidero ringraziare la Federnuoto che mi ha messo nelle migliori condizioni per lavorare; dedicare il successo a tutti coloro che mi sono stati vicini in questi due anni pieni di cambiamenti, che hanno avuto fiducia in me. Questo successo mi è sembrato più facile dei precedenti; probabilmente per la serenità interiore che mi accompagna, per l´equilibrio con cui sto affrontando questa fase della mia vita", continua la campionessa e primatista mondiale dei 200 e 400 stile libero, che ha conquistato 44 titoli nazionali (11 agli estivi, 21 ai primaverili e 12 agli invernali) e 28 medaglie internazionali in carriera, le prime con l´argento nei 100 stile libero e il bronzo con la staffetta mista agli Europei Juniores del 2003. Prossimo obiettivo ripetersi sui 200 stile libero. "I 200 li vivo visceralmente - conclude l´azzurra, autrice di sei record mondiali sulla distanza tra il 2007 e il 2009, prima del bando dei costumoni e dell´ 1´52"98 che resterà in cima al ranking per molti anni - non sarà semplice ripetersi perché il livello è molto cresciuto e perché sono l´avversaria da battere, ma ovviamente darò il massimo per difendere il titolo mondiale conquistato a Roma". Come Tania Cagnotto, anche Federica Pellegrini ha conquistato la medaglia nel quarto mondiale consecutivo. Record comune delle nostre leggende viventi. Premiata dal Presidente della Federnuoto Paolo Barelli, nonché Segretario Onorario della Federation Internationale de Natation, sul gradino più alto del podio canta l´inno di Mameli mentre si alza il tricolore, orgogliosa e felice, protetta dall´abbraccio dell´Italia intera.
Molto soddisfatto anche Philippe Lucas: "Federica è stata perfetta tecnicamente e tatticamente. Ha ottenuto una bella vittoria. Una conferma del lavoro svolto, che sarà molto utile anche nei 200. Ora deve restare calma, riposare, resettare tutto e conservare energie. Nei 200 si ricomincia. Mi fa piacere dare continuità al lavoro di Alberto Castagnetti, grande uomo e allenatore. Confermarsi è sempre difficile, ma siamo pronti e abbiamo lavorato bene grazie alla Federazione Italiana Nuoto che ci ha dato tutto ciò che abbiamo chiesto". Lucas, pantaloncini e maglietta dell´Italia, ha il viso luminoso, soddisfatto. "La finale di Federica era un test anche per me. Lo sapevo già, ma questo risultato ribadisce che entrambi abbiamo dato il massimo".
Dopo l´oro di Federica, il nuoto italiano sfiora un´altra impresa, che purtroppo rimane solo un sogno per un secondo scarso. La staffetta 4x100 stile libero maschile - quarta alle Olimpiadi di Pechino 2008 e ai Mondiali di Roma 2009 e quinta agli Europei di Budapest 2010 - è ancora di legno in 3´12"39 con Luca Dotto (48"56), Marco Orsi (48"57), Michele Santucci (48"01) e Filippo Magnini (47"31). Davanti a loro l´Australia di Magnussen (pazzesco 47"49 in prima frazione), Targett, Abood e Sullivan in 3´11"00; la Francia di Bernard, Stravius, Meynard Gilot in 3´11"14 e gli Stati Uniti di Phelps, Weber-Gale, Lezak e Adrian in 3´11"96, campioni olimpici e dei panpacifici, e mondiali in uscita. Un incremento cronometrico enorme compiuti dagli staffettisti italiani, che un anno fa avevano nuotato in 3´15"18 dietro alla Russia, oro continentale in 3´12"46 ed oggi quinta in 3´12"99, e alla Francia, argento continentale in 3´13"29. "Con questo tempo di andava sul podio in tutte le manifestazioni - asserisce Luca Dotto, 21 anni compiuti il 21 aprile e già 9 medaglie internazionali in carriera dal 2007, 5 in staffetta e 4 individuali - Resta la consapevolezza di essere cresciuti, ma anche tanta amarezza. Noi cresciamo e gli altri sparano 3´11". Santucci, 22 anni compiuti il 30 maggio, suo compagno di squadra alla Larus insieme a Filippo Magnini, prova a rincuorarlo. "Eccetto Pippo, che è tornato ai livelli delle medaglie d´oro mondiali, io sono del 1989, e Dotto e Orsi del 1990. L´età è dalla nostra parte. L´obiettivo è il podio olimpico. Ricominceremo a lavorare con la stessa intensità". Orsi, tesserato per Fiamme Oro Roma ed Uisp Bologna e già 10 medaglie internazionali dal 2007, è il più affranto di tutti. "Ho nuotato al di sotto delle mie possibilità"; ma è subito soccorso da Re Magno, 41 medaglie internazionali in carriera e capace di vincere due volte consecutive il titolo iridato, come le leggende Aleksandar Popov e Matt Biondi: "Il 3´12"39 è un tempo di altissimo livello. Voglio che sia chiaro il messaggio. Domani voglio leggere sui giornali che l´Italia ha disputato una finale della 4x100 straordinaria. Mi spiace molto per i ragazzi. Per la loro crescita una medaglia sarebbe stata un ulteriore stimolo. Ma bisogna valutare questo quarto posto con obiettività: avremmo firmato alla vigilia per il 3´12"39 e saremmo stati sicuri di salire sul podio". Intanto passa Pieter van den Hoogenband - campione olimpico e primatista mondiale dei 100 stile libero dell´era senza costumi di nuova generazione e capace di battere nella finale olimpica di Sydney persino Ian Thorpe nei 200 stile libero - che si complimenta con Magnini. "Ai ragazzi devo dire grazie, bravi. A tutti. Orsi compreso. In staffetta il livello si riequilibra sempre. Stasera è andato un po´ meno forte lui; la prossima volta capiterà a me. Ma alla fine c´è sempre chi compensa. Questa è la forza della staffetta: dà sempre il reale valore della squadra. Stiamo crescendo e sono sicuro che alle Olimpiadi ci divertiremo".
Come si sta divertendo Fabio Scozzoli, qualificato alla finale dei 100 rana, in programma domani sera, con il record italiano di 59"83 (28"10 ai 50) e il terzo tempo delle semifinali. Un primato che rompe il muro del minuto e cancella il precedente limite gommato di 59"85 che aveva ottenuto il 6 luglio 2009 alle Universiadi di Belgrado. Meglio di lui il vice campione olimpico norvegese Alexander Dale Oen in 59"37 e il quattro volte campione olimpico giapponese Kosuke Kitajima in 59"77. Alle sue spalle il primatista mondiale, l´australiano Brenton Rickard in 1´00"04. "Finalmente sono riuscito a rompere il muro del minuto - afferma il ravennate di stanza ad Imola, che compirà 23 anni il 3 agosto, è tesserato per CS Esercito e Imolanuoto ed è allenato dal tecnico federale Tamas Gyertyanffy - Rispetto all´ 1´00"41 con cui ho conquistato il bronzo agli Europei di Budapest ho compiuto un netto miglioramento. Secondo Tamas ci sarei potuto riuscire già lo scorso anno. Ho disputato una gara quasi perfetta. Domani dovrò ripetermi; sono convinto che tra il bronzo e il settimo posto ci sarà uno scarto minimo. Non credo sia possibile prendere Dale Oen e Kitajima, ma in gara non pensi ad altro se non a dare il massimo. Vedremo, sono molto curioso anch´io di capire se posso, al momento, essere ancora più veloce". Primatista italiano in vasca lunga (59"83) e vasca corta (57"01), nel settembre scorso si è fatto tatuare il logo degli Europei di Budapest sul polso della mano sinistra. "Perché le prime volte sono importanti, ti trasmettono le emozioni più forti, ti indicano la via e bisogna sempre ricordare di seguirla".
Nelle altre finali in programma si impongonoil coreano Tae Hwuan Park nei 400 stile libero - da cui Samuel Pizzetti, pur stabilendo il primato personale in 3´47"12, è rimasto escluso per 24/100 - con il tempo di 3´42"04, con quasi un secondo di vantaggio sul cinese Sun Yang (3´43"24) e più di due sul tedesco primatista del mondo Paul Biedermann (3´44"14); e la staffetta olandese della 4x100 stile libero femminile con Dekker, Kromowidjojo, Veldhuis ed Heemskerk in 3´33"98, avanti a Stati Uniti (3´34"47) e Germania (3´36"05).



Fonte: S.R. - FEDRNUOTO WEBSITE



Informativa privacy
Testo dell'informativa da compilare...
torna indietro leggi Informativa privacy  obbligatorio


Eventi
[<<] [Settembre 2020] [>>]
LMMGVSD
 123456
78910111213
14151617181920
21222324252627
282930    
Carta Etica dello Sport
Foto gallery
PRESENTAZIONE SQUADRE AGONISTICHE (NUOTO&PALLANUOTO) 2018/2019
Agonismo Nuoto & Pallanuoto
[]
Foto di Patrick Donati

Sezione in aggiornamento.
PRESENTAZIONE SQUADRE AGONISTICHE (NUOTO & PALLANUOTO) 2015/2016
Agonismo Nuoto & Pallanuoto
[]
FOTO DI PATRICK DONATI E GHIGO ERCOLINI
ONE DAY CON GIOVANNI FRANCESCHI - APRILE 2010
Agonismo Nuoto
[]
STAGE ALLA PISCINA MARCHINO BALESTRI
EUROPEI 2012: FESTA CON I VOLONTARI DELLA SOCIETA´ NUOTO PIOMBINO
Agonismo Nuoto
[]
GIORNATA DI SALUTI E RINGRAZIAMENTI DEDICATA A TUTTI I GIOVANI VOLONTARI DELLA SOCIETA´ NUOTO PIOMBINO CHE, CON IL LORO IMPEGNO, HANNO CONTRIBUITO ...
Allenamento in Palestra
Agonismo Pallanuoto
[]
Il grande Andrea alle prese con i pesi
Alcuni momenti di Allenamento
Corsi Nuoto Vasca Piccola
Scuola Nuoto
[]
Claudia al lavoro
Alcuni momenti di allegra confusione.... ma si stà imparando !!!
FACEBOOK & TWITTER
CHE TEMPO FA?
statistiche
totale visite
358075

sei il visitatore numero
26182

utenti online
0


Realizzazione siti web www.sitoper.it
Il prodotto è stato inserito nel carrello

continua lo shopping
vai alla cassa
close
Richiedi il prodotto
Inserisci il tuo indirizzo email per essere avvisato quando il prodotto tornerà disponibile.



Richiesta disponibilità inviata
Richiesta disponibilità non inviata
close
ACCEDI

NON SONO REGISTRATO

crea account
invia ad un amico
chiudi
Attenzione!
Non puoi effettuare più di 10 invii al giorno.
Informativa privacy
Testo dell'informativa da compilare...
torna indietro leggi Informativa privacy  obbligatorio